Regione del Veneto

Associazione

ASSOCIAZIONE PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLA CHIESA DI SANTA SOFIA

Categoria
Della tutela dell'ambiente, del territorio e impegno civile
Descrizione
La chiesa conferisce il nome alla localita' “Santa Sofia” (toponimo) nell'abitato di Pedemonte, frazione del Comune di San Pietro in Cariano, nel cuore della Valpolicella; il pendio su cui poggia ospita villa Serègo (Andrea Palladio Architetto, 1565) il cui parco fa da sfondo alla chiesa e alle sue pertinenze. Dal recinto esterno la vista sul paesaggio circostante permette una lettura degli elementi caratterizzanti la Valpolicella. La chiesa, tuttora consacrata, è chiusa al pubblico dal Gennaio 2012. Tuttavia l’Associazione apre il recinto esterno della chiesa ogni ultima domenica del Mese, dalla primavera all'autunno, per visite guidate. La chiesa e le pertinenze si presentano in stato di degrado secondo varie problematiche secondo diversi campi disciplinari (statico, edilizio, restaurativo, tecnico, museale e fruitivo). Nel mese di ottobre 2014 è stato fondato il “Comitato per la tutela e la valorizzazione della Chiesa di Santa Sofia”, allo scopo di riunire cittadini attivi nella promozione della Chiesa di Santa Sofia e creare un “movimento d’opinione” attorno ai futuri progetti per la medesima. Prendendo come volano l’iniziativa “I luoghi del cuore del FAI”, il Comitato è riuscito a coinvolgere centinaia di persone (il gruppo Facebook ha superato le 500 adesioni in poco più di un mese), nonché a destare l’attenzione dei mezzi di informazione e delle istituzioni pubbliche. Al Comitato ha fatto seguito l’attuale Associazione per la tutela e la valorizzazione della chiesa di Santa Sofia che, stante l’inagibilità del bene, si sta impegnando concretamente nella promozione storico-culturale del sito attraverso l’apertura e la visita guidata, con guide specializzate, ogni ultima domenica del mese (iniziativa che ha visto superare anche il centinaio di partecipanti); inoltre sono in corso di elaborazione progetti culturali che vogliono avere come fulcro Santa Sofia verso il coinvolgimento delle scuole nella scoperta del patrimonio culturale del territorio, l’inserimento del bene nel circuito dei concerti musicali in Valpolicella, incontri con ospiti di rilievo, presentazioni di libri e saggi, iniziative di ricerca. L’Associazione vuole porsi come catalizzatore e interlocutore di tutto quel mondo associativo che si pone come obiettivi primari la tutela del territorio e dei suoi beni, per la sensibilizzazione verso il tema della bellezza dei luoghi: riflessione più che mai urgente in Valpolicella. Santa Sofia infine è in centro del progetto “Sofia” che l'Istituto di Istruzione “Stefani-Bentegodi” ha avviato nella prospettiva di realizzare un percorso di museo diffuso per la lettura del territorio.

torna all'inizio del contenuto